Pronta la scuola dell’infanzia e primaria al comune di Accumoli

Home / Pronta la scuola dell’infanzia e primaria al comune di Accumoli

Il commissario Farabollini e il sottosegretario Crimi consegnano la struttura al Comune che la allestirà in vista del prossimo anno scolastico

FARABOLLINI CONSEGNA ACCUMOLI 25072019Accumoli, 25 luglio 2019 – Consegnata oggi all’Amministrazione Comunale di Accumuli la nuova scuola primaria e dell’infanzia realizzata nell’ambito del piano scuole ordinanza 14, le cosiddette “scuole del Commissario”. Sono circa 700 i mq a disposizione in un edificio ad unico piano con caratteristiche antisismiche e di efficienza energetica di ultima generazione. Tre le aule didattiche a cui si aggiungono laboratorio, sala docenti, refettorio, cucina e locali accessori.

A consegnare “le chiavi” al neo sindaco Franca D’Angeli perché possa allestire gli spazi da fruire a partire da settembre c’erano il Commissario Piero Farabollini, il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Vito Crimi e l’Assessore Claudio di Berardino, in rappresentanza del vice commissario e presidente della regione Lazio Zingaretti.

“Dire scuola è dire speranza e la speranza attiva energie positive – ha detto il sottosegretario Crimi – Abbiamo usato il breve tempo a disposizione per agire sulla ricostruzione con strumenti concreti come lo Sblocca Cantieri e, progressivamente, ne vedremo i frutti”.

Frutti che, in materia di ricostruzione scolastica, sono già maturi come spiega il Commissario Farabollini.

“Ad un mese dal terzo anniversario della prima grande scossa il bilancio delle scuole a diretta gestione commissariale è positivo – dichiara il Commissario Farabollini – Su 21 plessi in programma, 5 hanno già ospitato le lezioni dallo scorso anno scolastico, 4 lo faranno a partire da settembre, 8 entro dicembre/gennaio. Due i cantieri in pausa temporanea e parziale per approfondimenti di natura archeologia, solo due le scuole in cui criticità come vincoli architettonico-paesaggistici e problematiche amministrative delle imprese appaltanti rallentano l’avvio dei lavori”